BLOG

Organizzare la propria giornata

 

kaylah-otto-6e5hgWV2DAo-unsplash

Che tu sia freelance o dipendente, riuscire ad organizzare la propria giornata per essere più produttivi non è sempre facile. Oggigiorno i casi di lavoro da remoto diventano sempre più numerosi e ho pensato di condividere con voi qualche consiglio per cercare di mantenere alta la produttività.

1. Scegli un luogo adatto

  • Ufficio: creati un posto tutto tuo, lontano da distrazioni.
  • Postazione fuori casa: pensa anche a uno spazio coworking in cui riuscire a concentrarsi.

2. Segui un rituale mattutino

Anche se lavori da casa, stabilisci un ordine nella tua mattinata, come fare prima colazione, poi vestirsi e leggere le mail.

3. Gestisci le priorità

Scrivi le tre priorità del giorno la mattina o la sera prima. Scrivi tutto quello che ti passa per la mente e le preoccupazioni che ti assillano e poi evidenzia le tre priorità. Quelle saranno le cose da fare per prime.

4. Gestisci gli impegni in più fasi

Quando hai davanti tutte le cose da fare e ti viene il panico ad affrontare tutto cerca di suddividere i tuoi impegni in piccole parti, in modo da affrontare tutto un pò alla volta. Ti sentirai più positiva!

5. Pianifica i tuoi impegni in base alle tue energie

Io so che durante la mattina mi sento più energica, mentre nel pomeriggio l’attenzione inizia a calare. Quindi mi organizzo di conseguenza per portare a termine le cose più importanti al mattino. Alla sera invece mi posso sentire ispirata per trovare idee e soluzioni e cerco di tenere questo momento per annotarmi tutto.

6. Gestisci il tempo e dividi in blocchi

Pianifica il tuo mese e la tua settimana. Crea degli slot di lavoro e di pause, programmando anche gli orari della giornata, comprese le attività extralavorative. Ci sono anche delle app che aiutano a tenere sotto controllo il tempo, impostando un limite di tempo per ogni attività da svolgere.

Le migliori app di editing fotografico per Instagram

chang-duong-_tBwSUw-wRk-unsplashPhoto by Chang Duong on Unsplash

Ormai Instagram è diventata la piattaforma di social media marketing più utilizzata e anch’io ammetto di passarci davvero tanto tempo, sia per trovare ispirazione che per semplice amore per le belle foto.

Un bel contenuto visivo, infatti, ha il potere di catturare l’attenzione delle persone e di rimediare più like o commenti. Come migliorare quindi le immagini? Oggigiorno esistono numerose app dedicate al fotoritocco! Ecco quelle che amo di più:

Lightroom: al contrario del programma di Adobe, questa versione di app è gratuita e io la uso soprattutto per applicare dei filtri specifici nel caso volessi un effetto cromatico coerente con il mio feed. Ho comprato alcuni preset carini da famosi blogger che poi installo nel programma e tengo a portata di mano ogni volta che postproduco una foto.

Canva: comoda e veloce è un app che permette di creare contenuti creativi anche dal sito. Perfetta per chi non ha conoscenze di Photoshop.

Snapseed: dopo Lightroom, passo le mie foto su questa app, perfetta per ritoccare parti specifiche della tua foto. I suoi strumenti di modifica sono molto utili: ad esempio, la “regolazione selettiva” consente di schiarire o scurire solo alcune parti della tua foto e lo strumento pennello consente di usare il dito per aumentare o diminuire l’esposizione, la saturazione o la temperatura. Inoltre, permette di aggiungere testi con diversi stili.

VSCO Cam: lo sapevi che #vsco è l’hashtag più popolare su Instagram? Questa potente e app di fotoritocco per iOS e Android è perfetta per Instagram e, oltre ai filtri gratuiti, permette di acquistare tantissimi pacchetti fotografici e filtri.

Ora che hai tutti gli strumenti non ti resta che creare un piano d’azione per i tuoi account di social media che consenta alla tua attività di crescere e alla tua comunità di espandersi!

Scopri come posso aiutarti qui.

A presto e un grande abbraccio,

Chiara.

Come creare una moodboard

moodboard novembre

Oggi vi voglio illustrare gli step principali che seguo nel mio lavoro per la creazione di una moodboard.

Da dove si comincia?

In seguito al primo Brief col cliente si procede con lo sviluppo dell’idea, rappresentata da un concept e una parte visual. Per riuscire a mettere tutto insieme si procede con una ricerca stilistica: vediamocome creare questo percorso attraverso un moodboard che aiuti a visualizzare l’identità del tuo brand.

Primo step: trovare l’identità del Brand

Comprendere le 4 V – Vision, Value, Voice e Visual – è essenziale, poiché queste iniziano a formare gli elementi costitutivi di un brand, assicurando che la vostra storia, lo stile e la strategia siano allineati e che ogni punto stia comunicando il messaggio giusto.

Secondo step: delineare le parole chiave

Sono i punti di partenza che ci aiuteranno a sviluppare il tone of voice e approfondire il processo di branding, ma che ci aiuteranno anche nella fase successiva per costruire il nostro moodboard.

Passiamo quindi alla ricerca e alla scelta di determinate immagini: queste rappresentano l’identità del brand e che ci ispirano, aiutandoci ad esplorare il lato visivo e strutturarlo, fornendo un punto di riferimento. Iniziamo da Pinterest per questo primo passaggio di ricerca di immagini: selezionare quelle che evocano sensazioni a cui sentirci vicini.

Iniziate a esplorare e appuntare tutto ciò che vi colpisce, che si tratti di una tavolozza di colori da cui sei attratto, di una sensazione che evoca un’immagine o di uno stile che risuona con il vostro brand. Potete fare lo stesso offline per riferimenti visivi, campioni di colori, texture (campioni di tessuto o nastri), o qualsiasi altra cosa che sembra possa tradursi in qualcosa di concreto.

In questa fase iniziale, è importante non rimanere troppo attaccati a fissare le immagini “giuste” o “perfette”. Stiamo davvero cercando di popolare la scheda con il maggior numero di foto possibile, prestando attenzione a tutto ciò che ci sembra in sintonia con ciò che vogliamo abbia il nostro brand: pensate a cosa significa, e fate attenzione alle emozioni che certe foto o dettagli potrebbero evocare.

Terzo step: restringere la scheda e prendere appunti su ogni foto

Tornate a osservare la vostra bacheca Pinterest e a rivalutare tutti i pin. Chiedetevi perché avete scelto ciascuna immagine specifica e ciò che rappresenta del vostro brand. Cattura quella sensazione che volete comunicare? C’è uno specifico dettaglio di stile che si riferisce direttamente a ciò che vorreste vedere nelle vostre immagini? Funziona come una rappresentazione visiva di come volete che il vostro brand appaia?

In questa fase, stiamo cercando di eliminare tutte le immagini che non si sentono al 100%, quindi eliminate quelle che istintivamente non riconoscete riconducibili. Per le immagini rimanenti, iniziate a concentrarvi sul perché avete scelto ciascuna di esse e nello specifico alla didascalia dell’immagine. Potrebbe essere una tentazione saltare questa fase di prendere appunti, ma si rivelerà una fase fondamentale. Questo passaggio aiuterà ad articolare l’intenzione dietro di esso e iniziare a definire un linguaggio attorno al vostro brand.

Ora che avte ristretto la scheda originale e vi siete assicurati che ogni immagine presente sia una chiara rappresentazione della direzione che desiderate per il vostro progetto, è tempo di costruire il moodboard finale. Avete alcune opzioni per questo, dato che può essere lasciato sotto forma di semplice bacheca Pinterest, salvare ciascuna immagine e creare una tavola di ispirazione digitale con un programma di grafica, oppure stampare le immagini e creare una moodboard fisica.

Comunque si scelga di costruire questa raccolta finale di immagini, ricordatevi che l’idea è che questo servirà da riferimento visivo mentre vai avanti con lo sviluppo del brand, quindi tenete la bacheca in un posto dove potete facilmente tornare a lavorarci.

Quarto step: compilare il quaderno di esplorazione del Moodboard

Mentre stai attraversando questo processo di creazione di un mood board e sei immerso nelle tue immagini di ispirazione, inizia a prestare attenzione ai temi che hanno iniziato a emergere all’interno del contenuto.

Questa è un’altra opportunità per prendere appunti sulle vostre immagini e collegarle alle parole dei temi del brand e anche catturare nuovi temi visivi che avete iniziato a notare emergere. Si può fare su post-it se stai lavorando con una moodboard fisica, oppure con note digitate o scritte a mano direttamente sulla lavagna se state lavorando digitalmente, o nelle aree di didascalia su Pinterest.

Iniziate a prendere appunti sotto ogni categoria nella vostra cartella di lavoro:

  • Tone Words
  • Colori
  • Textures
  • Umore
  • Composizione
  • Argomento
  • Dettagli di stile
  • Temi di contenuto

Se avete seguito il processo di creazione di note sulla vostra moodboard, sarete in grado di estrarre molti di questi dettagli da lì. Ancora una volta, passare attraverso questo esercizio vi aiuterà a stabilire un linguaggio attorno al brand e identificare i dettagli visivi che vogliamo vedere associati ad esso.

E con questo si conclude la parte dell’esplorazione visiva del branding. Continuate a sviluppare la vostra raccolta di immagini, cambiando di posizione alle immagini, aggiungendo o togliendo, continuando a sviluppare un linguaggio finchè non sarete completamente soddisfatti.

 

LA CHECKLIST PER ESSERE PIU’ PRODUTTIVI

Ci sono momenti in cui mi stresso perché non sento di essere abbastanza produttiva e non riesco a concentrarmi al meglio.

rawpixel-610075-unsplash

Come trovare quindi la propria routine quotidiana per organizzarsi al meglio?

Oggi voglio condividere con voi la checklist che utilizzo ogni giorno:

  • Alla sera cerco di ricordarmi di controllare il meteo per il giorno dopo attraverso l’App, in modo da sapere che outfit preparami. Anche la domenica sera è un buon momento per avere una visione della settimana che verrà.
  • Preparare l’outfit la sera prima mi fa risparmiare molto tempo al mattino, che preferisco utilizzare per prendermela con calma o dormire 10 minuti in più. A volte, quando il meteo è indeciso, penso a un’opzione più pesante o più leggera per non trovarmi a fissare l’armadio 20 minuti al mattino.
  • Rifare il letto può sembrare una perdita di tempo, ma vi assicuro che vi aiuterà a sentirvi subito meglio, come quando si riordina la casa: una specie di riorganizzazione mentale.
  • Fare colazione con calma mentre ascolto qualche podcast motivazionale e utile: mi aiuta a focalizzarmi sulla giornata e a ritrovare la giusta energia. Inoltre mi godo la mia colazione concedendo tempo a me stessa.
  • Una bella rinfrescata alla faccia e poi l’immancabile crema viso anti-age di Yves Rocher
  • Come liberare la mente dallo stress se dovete affrontare una giornata particolarmente intensa? Scrivete i pensieri su carta, anche se casuali; rileggeteli e cerchiate le tre parole più importanti su cui concentrarsi quel giorno. Gli altri elementi scritti possono essere le azioni che farete successivamente o il giorno dopo, in base alle priorità di ognuno.
  • Riguardare gli impegni della giornata per preparare la vostra mente ad affrontare il tutto (classica to-do list)
  • La sera prima cerco di prepararmi il pranzo per il giorno dopo, che può essere l’avanzo della cena o qualcosa di veloce. A meno che, naturalmente, non abbiate un pranzo pianificato con i vostri amici o colleghi! 😉
  • Mentre faccio colazione a volte sfoglio la rivista di Fior Fiore In cucina Coop   (la trovate nei supermercati ogni mese) che mi da ottimi spunti per ricette di ogni genere in modo da sapere cosa preparare alla sera stessa e quindi scongelare o ricordarmi di comprare un ingrediente. Qui trovate qualche altra idea carina!
  • Ricordatevi di fare bei respiri profondi e via!

E voi che metodi usate nella vostra routine quotidiana? Fatemi sapere!

Buona giornata a tutti! 🙂

MINDFULNESS SERALE

linda-xu-527769-unsplash

finalmente a casa dopo una lunga giornata in ufficio.

schiena a pezzi. non so voi, ma io ho sempre bisogno di far fluire l’energia, eliminando quella che percepisco come negativa e rinnovare quella positiva.

pulirmi da preoccupazioni, pensieri stressanti, ansie.

si accumulano su spalle e schiena e influiscono sulla qualità del sonno.

mi piace dedicarmi alla cucina e preparare una cenetta veggy per prendermi cura della mia salute. da quando sono vegetariana ho scoperto tantissimi ingredienti e principi nutritivi correlati che mi aiutano a sentirmi bene.

faccio esercizio a casa perché non amo particolarmente le palestre e gli orari rigidi a cui attenersi.

ho delle playlist salvate su youtube di workout dance cardio, pilates e yoga. tra le mie preferite: boho beautiful, tone it up e denise.

doccia calda, una tisana e un buon libro.

ho da poco cominciato questo mindfulness journal, una specie di diario della gratitudine, con pagine guidate per elaborare i pensieri.

lo trovo molto carino per scrivere e documentare, lasciandosi la giornata alle spalle riflettendo e passando un pò di tempo con se stessi.

magari accompagnato da qualche minuto di meditazione che aiuta a scaricarsi completamente prima di dormire.

un abbraccio grande 💜

COME MIGLIORARE UNA GIORNATA NEGATIVA

tyler-nix-626687-unsplash

A ognuno è successo di passare giornate decisamente “No”.

Sono quelle giornate in cui si pensa che sarebbe stato meglio non alzarsi neanche dal letto, in cui va tutto storto, come rovesciare o rompere qualcosa mentre si fa colazione e si è tremendamente in ritardo.

Oppure ti si spegne la batteria della macchina e devi trovare un modo per andare a lavoro. Poi c’è il traffico, ci dimentichiamo le chiavi a casa, il computer non funziona.

Insomma, giornate da dimenticare. E l’umore diventa nero.

Come trasformare queste giornate negative?

  • Fare un giro a piedi o in macchina: andare per campagna o nei luoghi verdi aiuta a ritrovare la tranquillità e rilassare i nervi. Respira.
  • Farsi una buona tazza di the con biscotti: prepararsi il the è un metodo di meditazione molto utile per concentrarsi sul presente. Un dolcetto aiuta ad alzare l’umore, come il cioccolato fondente che contiene magnesio.
  • Profumi per interni: che siano olii essenziali, candele profumate o incensi, le profumazioni giuste, come la lavanda, rilassano e hanno un effetto calmante.
  • Abbracciare il proprio gatto o cane: la pet therapy aiuta a sentirsi subito meglio.
  • Mettersi il rossetto: rosso per la stagione più fredda e rosato per la stagione calda. Dona un senso di piacevolezza e alza l’autostima, aiutando a ritrovare la grinta!
  • Leggere le frasi dei nostri guru preferiti o delle persone che ammiriamo: nell’articolo che ho scritto precedentemente potete trovare due letture interessanti che possono fare da guida nei momenti difficili.

 

Photo by Tyler Nix on Unsplash

 

 

 

SFONDO AUTUNNALE PER SMARTPHONE

Zombie hand Horns, satan sign finger up gesture halloween vector

Per celebrare la mia stagione preferita, ho voluto ispirarmi ai colori e all’atmosfera che ci regala l’autunno: foglie colorate, le prime coperte calde e tazze fumanti sul divano, magari davanti al nostro film preferito.

Ho creato questo sfondo per smartphone, che potrete scaricare QUI, in collaborazione con il blog di Una rosa per amica, dove potrete scoprire il mondo di Elena, la quale vi potrà tenere aggiornati su nuove letture e consigli beauty! 🙂 La potete trovare anche sui social 🙂

Condividete le vostre foto degli sfondi taggandoci! Non vediamo l’ora di vederli nelle vostre giornate autunnali 😉

SCARICABILI – BREAKFAST IN BED

Da brava grafica vi ho preparato due printables che si ispirano alla mia idea di colazione a letto il weekend, quando vuoi prendertela con calma, tra caffè e biscotti..

Sono due tovagliette che potete stampare anche su supporti più rigidi per ottenere un effetto più carino 🙂 e sono stati ideati per scrivere i vostri piani e idee da fare nel weekend. Spero vi piacciano!

Trovate il link per scaricarle qua sotto

breakfast in bed1

SCARICA LA TOVAGLIETTA 1 QUI          SCARICA LA TOVAGLIETTA 2 QUI